Regolamento

REGOLAMENTO
LEGA DEL MARE
2018

 

1. NOME E SCOPO DELLA LEGA: LEGA DEL MARE (lega amatoriale di baseball e softball) – Pool D. La Lega del Mare è un organismo senza alcun riconoscimento giuridico, semplice espressione e frutto dell’unione degli intenti di otto compagini del sud Italia che hanno inteso autoregolamentarsi per la disputa di un torneo amatoriale di baseball e di softball. Lo scopo unico della lega è la diffusione del baseball e del softball a livello amatoriale con l’obiettivo di allargare la base attraverso la partecipazione di tutti coloro che vogliano avvicinarsi a questi sport senza alcuna preclusione di sesso e di età e di precedenti esperienze di gioco;

2. PERIODO DI GIOCO: da inizio aprile a fine giugno 2018 con raggruppamenti da tenersi una volta al mese o ogni 3 settimane in singole giornate domenicali in tutte le città partecipanti oltre ad una fase finale da tenersi in una città da stabilire ed in una struttura con due campi di cui uno da baseball per disputare in contemporanea playoff e playout. Le date dei raggruppamenti saranno sfalsate tra i due gironi in modo da mantenere sempre desta l’attenzione sulle attività della Lega e da consentire a tutti di poter assistere alle partite dell’altro girone;

3. FORMULA: due gironi da 4 squadre con girone all’italiana con partite di sola andata. 6 partite totali per ogni raggruppamento (3 per ogni squadra) di 1 ora l’una al meglio dei 5 inning;

4. ORARI. I raggruppamenti avranno inizio alle ore 10,00 e si concluderanno possibilmente alle ore 18,00. Gli orari delle partite saranno i seguenti fermo restando che con l’accordo tra tutte le squadre anche gli orari e la sequenza delle partite potranno, se necessario, essere diversamente stabiliti: 10,00 A – B 11.15 C – D 12.30 A – C 13.30 – 14.30 (BREAK) 14.30 B –D 15.45 A – D 17.00 B – C Nel calendario degli incontri che verrà stilato e pubblicato sulle pagine ufficiali prima dell’inizio del torneo, il criterio di distribuzione sarà il seguente: la squadra A sarà individuata sempre nella squadra di casa, la squadra B in quella geograficamente più vicina mentre la squadra D nella squadra più lontana dal luogo del raggruppamento in modo che quest’ultima possa giocare la seconda partita in programma ed arrivare con più comodità e non giocare l’ultima in modo da poter ritornare a casa non troppo tardi;

5. SQUADRE PARTECIPANTI E GIRONI. NORTH DIVISION: Embea Fovea Baseball Foggia, BC Warriors Bari, Napoli Baseball, Brewers Caserta. SOUTH DIVISION: Kings Rivello, Cus Cosenza, Thunders Salerno, Seagulls Salerno;

6. RAGGRUPPAMENTI. I raggruppamenti si terranno di domenica. In caso di pioggia prevista in anticipo, il raggruppamento andrà annullato preventivamente onde evitare inutili spese di viaggio alle squadre ospiti e poi recuperato in data da concordare tra tutte le squadre. In casi eccezionali e col consenso di tutti, i raggruppamenti potranno tenersi di sabato oppure in giorni feriali in concomitanza di feste nazionali;

7. DATE E LUOGHI DEI RAGGRUPPAMENTI. NORTH DIVISION: 8 aprile Foggia, 29 aprile Caserta, 13 maggio Napoli, 27 maggio Bari. SOUTH DIVISION: 15 aprile Salerno (Seagulls), 6 maggio Cosenza, 20 maggio Rivello, 10 giugno Salerno (Thunders);

8. IMPOSSIBILITA’ OGGETTIVA. In caso di sopraggiunti problemi oggettivi dei quali dare prova all’Organizzatore ed al Giudice Sportivo, che impediscano ad una delle squadre di partecipare ad un raggruppamento in un data prefissata, è rimessa al buon senso e alla sportività della squadra ospitante la possibilità di trovare una soluzione alternativa in accordo con le altre squadre atta ad assecondare le esigenze di tutti, tenuto conto il senso e lo spirito della Lega in base al quale occorre che giochino possibilmente sempre tutti. Per questo motivo le date dei raggruppamenti potranno essere in casi eccezionali eventualmente integrate e/o modificate e si potrà prevedere anche il recupero di una singola partita;

9. PUNTEGGI. I punti per stilare la classifica del raggruppamento incontro dopo incontro sono 2 per la vittoria, 1 per il pareggio e 0 per la sconfitta. L’assegnazione invece dei punti alle squadre alla fine di ogni singolo raggruppamento sarà la seguente: 1° posto 8 PUNTI – 2° posto 6 PUNTI – 3° posto 4 PUNTI – 4° posto 2 PUNTI. Chi non partecipa riceve invece 0 PUNTI. Meno 2 punti saranno assegnati a quelle squadre che parteciperanno al torneo commettendo gli illeciti amministrativi di cui innanzi. I punti che saranno assegnati ad ogni singolo raggruppamento serviranno per stilare alla fine di tutti i raggruppamenti la classifica finale che fornirà il ranking per la fase finale;

10. CRITERI PER TIE BREAK. Per stilare le classifiche e per determinare le migliori classificate nello stesso girone in caso di parità, si seguiranno i seguenti criteri: a) Differenza punti (fatti/subiti) b) Punti fatti c) Home runs (non da 2 punti) d) Minore età dello starting line up e) Numero maggiore di donne e/o Under 16 nello starting line up f) Sorteggio

11. NOMINA RESPONSABILE E COMPITI. Ogni squadra è tenuta a nominare un responsabile (coach, giocatore, dirigente o altro) che si interessi dell’organizzazione del raggruppamento nella propria città, dell’allestimento del campo secondo quanto stabilito, che garantisca il regolare svolgimento dello stesso, della raccolta dei risultati e degli aspetti disciplinari. Nel corso di ogni raggruppamento il responsabile della squadra ospitante raccoglierà tutti i risultati che comunicherà la sera stessa via mail ai responsabili della pagina facebook e del sito per far sì che possano essere aggiornate immediatamente. Comunicherà altresì ogni vicenda disciplinare al Giudice sportivo oltre che i voti dei coach sul miglior attaccante e sul miglior difensore all’Organizzatore;

12. VOTAZIONE ALL STARS. Alla fine di ogni raggruppamento, i referenti/coach delle singole squadre comunicheranno all’organizzatore del singolo raggruppamento i nominativi dei giocatori che si saranno meglio messi in mostra (uno per la difesa ed uno per l’attacco) e ciò al fine di raccogliere i voti per nominare a fine stagione una formazione All Stars per la probabile partecipazione alla festa del 4 Luglio presso la Base Nato di Agnano con la disputa di una partita contro una selezione statunitense. Tali voti saranno comunicati il giorno stesso dal responsabile del raggruppamento all’organizzatore;

13. FASE FINALE. La fase finale si svolgerà il 24 giugno 2018 in luogo da decidere e comunque in una città che potrà mettere a disposizione della Lega due campi da gioco (anche realizzati su un unico diamante regolamentare) per poter disputare due partite in contemporanea.

La formula sarà quella del tabellone tennistico predeterminato ad eliminazione diretta con un totale di 12 partite. Gli accoppiamenti saranno determinati dalle classifiche finali dei due gironi nel seguente modo: prima north division contro quarta south division, seconda north division contro terza south division, terza north division contro seconda south division, quarta north division contro prima south division

Le squadre eliminate al primo turno per fare in modo che giochino anche esse 3 partite come tutte le altre, accederanno al tabellone parallelo dei playout. Gli accoppiamenti rispetteranno il ranking della stagione regolare. Quindi, migliore contro peggiore tra le 4 e seconda migliore contro terza peggiore tra le 4 (*)

QUARTI DI FINALE

Prima North – Quarta South (partita A) / Prima South – Quarta North (partita D) 10 – 11.30

Seconda South–Terza North (partita B)/Seconda North–Terza South (partita C)11.45-13.15

BREAK PLAYOFF 13.15-14.15 + SEMIFINALI PLAYOUT *(prima contro quarta / seconda contro terza)

SEMIFINALI

Vincente partita A – Vincente partita B / Vincente partita C – Vincente partita D 14.30-16

FINALE 1°-2° POSTOFINALE 3°-4° POSTO PLAYOUT 16.15-17.15

FINALE 1°-2° POSTOFINALE 3°-4° POSTO PLAYOFF 17.30-19

PREMIAZIONI

14. GIOCO BASE. Softball slow pitch con palle da softball possibilmente morbide a meno di accordi tra le squadre per giocare a baseball preferibilmente con palle morbide da baseball (quindi a discrezione di entrambe le squadre). Il cambio del tipo di gioco può avvenire solo se le squadre prima dell’incontro siano entrambe d’accordo altrimenti si gioca a softball slow pitch. Tutte le comunicazioni relative al tipo di gioco andranno fatte all’arbitro ad inizio gara e non potranno essere mutate nel corso della stessa. Infine, le partite di softball si disputeranno con 10 giocatori di cui 4 esterni obbligatori mentre quelle di baseball con 9 giocatori;

15. CAMPO DI GIOCO. Le dimensioni del campo saranno quelle del softball maschile per trovare un giusto compromesso tra baseball e softball slow pitch. Pertanto: per le partite di baseball la distanza tra le basi (che saranno fisse nel terreno) sarà posta a 27,43 mt. (38.80 mt. la diagonale tra le basi) e la pedana del lanciatore e/o il monte di lancio sarà posto a 18,44 mt. Per le partite di softball potranno essere utilizzate anche le basi mobili e precisamente con una distanza di 18,29 mt. tra le basi (25.86 mt. la diagonale tra le basi) fissando la pedana del lanciatore a 14,02 mt, Deve essere a tale scopo realizzato il cerchio del lanciatore con 2.44 mt di raggio. A 76,20 mt. sarà fissato il palo esterno sinistro così come quello centrale mentre l’esterno destro sarà possibile piazzarlo a qualsiasi distanza (a patto che ci sia una congrua distanza di almeno 30 mt. tra il muro esterno destro e la linea che unisce prima e seconda base) applicando poi la regola di campo dell’ottenimento delle 2 basi per il fuori campo che andrà dal palo esterno destro fino al punto in cui al centro la distanza tra casa base ed esterno centro sarà pari a 76,20 mt. Dietro casa base, dietro la prima e la terza base deve esserci necessariamente una distanza minima di 7.62 mt. e massima di 9.14 mt. Al riguardo si allega grafico del campo orientativo ma le misure definitive sono quelle riportate nella presente norma;

16. ALLESTIMENTO CAMPO. Le basi devono essere fissate nel terreno alle distanze del campo da baseball (mentre le basi da softball potranno essere apposte in modo alternativo ma meglio se fisse), deve essere disegnato il cerchio intorno alla pedana del pitcher per lo slow pitch e il campo deve essere delimitato all’esterno con una rete di recinzione in plastica fitta e con del nastro bianco e rosso visibile. Deve essere inoltre ben visibile il punto di inizio e di chiusura dai quali va applicata sull’esterno destro la regola di campo delle due basi per il fuori campo. Devono essere rispettate le distanze dietro casa base, prima e terza base e deve esserci dietro le stesse un muro o una rete che consenta la continuazione del gioco in caso di errore sull’assistenza o di lancio pazzo oltre che delle protezioni poste intorno ad ogni possibile pericolo come ad. es. ai pali della porta di calcio;

17. DURATA DELLE PARTITE E PUNTI. Le partite avranno inizio con un sorteggio per stabilire la prima squadra in attacco considerato che tutte le squadre giocheranno un numero dispari di partite e che non può applicarsi la regola abituale della squadra ospite. Le partite avranno come detto la durata di 1 ora al meglio dei 5 inning. Il tempo sarà continuo e si fermerà solo in caso di infortunio o di disputa regolamentare. Nonostante che i tempi dei raggruppamenti dovranno essere forzatamente serratissimi, allo scadere dell’ora di gioco si dovrà completare l’inning con ambedue le fasi di attacco per ogni squadra a meno che in quel momento il punteggio non sancisca una differenza tra le squadre superiore ai 4 punti nel qual caso la partita finirà senza prosieguo essendo impossibile (vedi punto 20) per la squadra sotto nel punteggio di recuperare o almeno pareggiare l’incontro. Se all’ultimo inning dovesse persistere la parità e residuasse ancora tempo rispetto al tempo massimo previsto di 1 ora, si procederà con gli extra inning con un corridore già in seconda base (il successivo nel line up dopo l’ultimo inning regolamentare). Nel corso degli extra inning allo scadere del tempo di gioco verrà completato l’inning in corso. In caso di parità al termine dei 5 inning o alla fine del tempo di gioco o alla fine degli extra inning, l’incontro finirà in parità con l’ottenimento di 1 punto per le due squadre. Per ogni gara, come detto, la squadra vincitrice invece otterrà 2 punti e quella sconfitta 0 ciò al fine di poter stilare la classifica del singolo raggruppamento, ferma restando poi l’attribuzione dei punti di cui al punto 9 (punteggi);

18. ONERI SQUADRA OSPITANTE E SQUADRE OSPITI. Restano a carico della squadra ospitante: il fitto del campo, la dotazione di un kit medico di base, basi mobili per l’allestimento del campo alternativo di softball, una fardella d’acqua per ogni squadra ospite, piccolo tabellone in legno o altro materiale o lavagna cancellabile per aggiornare i punteggi delle partite in tempo reale, appuntare e comunicare i risultati finali delle singole gare, inviare le segnalazioni al Giudice Sportivo di eventuali accadimenti di natura disciplinare o di illeciti occorsi, raccogliere e comunicare i voti dei coaches riguardo il miglior difensore e il miglior attaccante del torneo, mettere a disposizione 12 palline da baseball o da softball preferibilmente morbide (la scelta resta a discrezione della squadra di casa in relazione al gioco che intende praticare mentre le altre squadre forniranno 6 palline ognuna dello sport che intendono giocare) ed infine far realizzare un consistente numero di foto di buona qualità (anche attraverso il cellulare) che riguardino lo svolgimento di tutte le partite, che rappresentino tutte le squadre, i tifosi e le fasi conviviali che dovranno essere inviate entro il lunedi successivo al raggruppamento ai responsabili del sito e della pagina facebook;

19. LANCIO SLOW PITCH. Nello slow pitch la palla deve essere lanciata con un arco di almeno 1.83 mt. e di non più di 3.65 mt. dal terreno. Il ritorno della palla nel cerchio del pitcher sancisce la fine dell’azione e tutti i giocatori fuori base dovranno ritornare verso la base di appartenenza, pena la possibile eliminazione;

20. INNING E CAMBIO TURNO. Ad ogni inning, dopo un massimo di 4 punti si cambia turno di gioco a prescindere dagli eliminati già effettuati;

21. CATCHER. È obbligatorio per il catcher l’uso del casco, della maschera e della pettorina (gli schinieri sono obbligatori solo nel baseball);

22. USO DEL CASCO. L’uso del caschetto in battuta e sulle basi è obbligatorio;

23. MASCHERA PROTETTIVA. Qualsiasi difensore o attaccante può indossare una maschera protettiva per la faccia, in particolare i pitcher;

24. MAZZE. Si potranno usare indifferentemente sia mazze da baseball che da softball e sia in legno che in alluminio per entrambi i giochi;

25. PITCHER. Allo scopo di ridurre i tempi morti, ad ogni lanciatore, anche ai rilievi, ad ogni cambio campo, saranno concessi solo 3 lanci di riscaldamento prima di dare inizio di nuovo al gioco;

26. BASE INTENZIONALE. La base intenzionale va dichiarata all’arbitro quindi non occorre lanciare i 4 ball. Non sono ammessi, perché non contemplati, pick off sulle basi nelle partite di slow pitch non essendo previste le rubate;

27. LANCIO PAZZO. Il lancio pazzo che finisce dietro casa base se resta entro le delimitazioni della rete di recinzione va considerato come palla viva per cui la difesa dovrà provvedere al recupero e all’assistenza sulle basi in caso di rubata (ovemai ammessa). Laddove, invece, la palla dovesse finire oltre la rete di recinzione, la palla sarà considerata morta e sarà concessa una base gratis ai corridori così come al battitore in caso di terzo strike. Al riguardo, su palla non trattenuta dal catcher sul terzo strike, con meno di 2 eliminati il battitore potrà correre solo se la prima base sarà vuota. Con 2 eliminati invece sarà possibile correre sempre. Nelle partite di softball non si potrà correre su terzo strike non trattenuto;

28. SOSTITUZIONI. Nel corso delle gare sarà possibile eseguire sostituzioni temporanee da comunicare agli arbitri a seguito delle quali però il giocatore subentrante dovrà essere forzatamente impiegato sia in un turno di attacco che in uno di difesa. I giocatori sostituiti potranno rientrare in campo successivamente anche più volte. Allo stesso modo sarà possibile usare dei pinch runners a patto però che gli stessi vengano impiegati immediatamente dopo, almeno in un turno difensivo al posto dello stesso giocatore sostituito in attacco;

29. DESIGNATED HITTER. Può essere utilizzato un battitore designato da inserire sin dall’inizio nel line up e che giocherà solo in attacco in sostituzione di uno qualsiasi dei difensori;

30. SPIKES. È assolutamente vietato l’uso degli spikes. Potranno invece essere utilizzate scarpe da ginnastica o da baseball con tacchetti di gomma;

31. LINE UP. Ad inizio partita bisognerà consegnare all’organizzatore del torneo individuato ad ogni raggruppamento nel coach o in un dirigente della squadra ospitante, il line up con indicazione di nome, cognome, numero di maglia, data di nascita e numero di tesserino dei giocatori titolari e delle riserve. Bisognerà evidenziare e sottolineare le donne, gli under 16 e i 3 tesserati anche per l’agonistica per consentire agli arbitri di applicare ai primi la regola premiale dell’encroachment line e ai secondi quella preclusiva relativa ai ruoli di gioco. Nel line up bisognerà indicare anche il responsabile della squadra e il coach. Si precisa che il line up allegato separatamente al presente regolamento è solo indicativo e non vincolante. Pertanto, le squadre potranno usare qualsiasi tipologia di line up a patto che riporti i dati richiesti;

32. RITARDO. Nel caso una squadra dovesse tardare oltre 30 minuti la sua presenza in campo rispetto all’orario di inizio della partita, per i suindicati motivi legati alle condizioni di luce e quindi per consentire un regolare e completo svolgimento del torneo, sarà disposta la vittoria a tavolino per 7-0 in favore della squadra avversaria, a meno che la stessa non sia d’accordo a giocare ugualmente la partita dalla durata del tempo residuo rispetto a quello previsto. Se il ritardo invece dovesse essere inferiore a 30 minuti la partita si disputerà regolarmente per il tempo residuo;

33. SQUADRE A RANGHI RIDOTTI. Il numero minimo per poter disputare una partita è fissato in 8 per entrambi i giochi. Questo numero può essere raggiunto anche attraverso i prestiti delle altre compagini. Difatti, se una squadra dovesse presentarsi con un numero di giocatori inferiore rispetto a quello previsto, al fine di far giocare tutti, le altre squadre potranno facoltativamente prestare ognuna un numero pari di giocatori fino ad arrivare al numero legale di 9 o di 10. I giocatori prestati potranno poi regolarmente giocare anche con la propria squadra le altre partite mentre non potranno giocare contro la propria squadra di appartenenza. A tal riguardo, la squadra che dovesse versare nelle condizioni di cui sopra dovrà entro il venerdì precedente alla disputa del raggruppamento contattare le altre squadre del proprio girone rappresentando la propria difficoltà e ovemai dovesse emergere l’impossibilità o la mancata volontà di prestare giocatori, la squadra a ranghi ridotti sarà costretta a rinunciare alla partecipazione al raggruppamento se non dovesse raggiungere il numero minimo di 8 giocatori. Questa squadra riceverà 0 punti per quel raggruppamento ma non sarà passibile di alcuna ammenda o sanzione a meno di incorrere 3 volte nella medesima situazione nel qual caso si applicheranno le norme di cui al Regolamento di Giustizia. Resta inteso che la squadra che affronta una squadra a ranghi ridotti potrà schierare l’intero line up quindi giocherà a 9 o a 10 a seconda del gioco scelto;

34. ENCROACHMENT LINE RULE. Allo scopo unico di creare il massimo equilibrio tra le squadre partecipanti in particolare per quelle che decideranno di schierare donne o ragazzi e ragazze under 16 (non agonisti/e), viene introdotta la seguente unica regola premiante che si applicherà quando in battuta ci sarà una donna o un under 16: gli esterni della squadra avversaria dovranno obbligatoriamente giocare a contatto con la rete di recinzione dell’esterno campo (c.d. encroachment line). Se l’outfielder abbandonerà attraversando questa linea immaginaria ed avanzando verso il campo prima che la palla abbia lasciato la mano del pitcher, il battitore riceverà una base automatica e i corridori avanzeranno di una base. Resta a discrezione delle singole squadre il buon senso e la sportività di comunicare all’arbitro e alla squadra avversaria l’intenzione di voler rinunciare a tale regola premiante ovemai fossero schierate ragazze o under 16 con comprovata pregressa esperienza nel softball e nel baseball tali da non necessitare di alcun vantaggio;

35. DIVISE DA GIOCO. Ogni squadra dovrà avere delle divise da gioco identiche. Sono obbligatori cappellini, maglie, pantaloni e calzini. Le divise potranno essere di qualsiasi tipo: la maglia di uguale colore per tutti (anche t-shirt, tuta, felpa o qualsiasi altro indumento simile) dovrà essere contraddistinta da numeri diversi l’uno dall’altro che potranno andare dall’1 al 99 (l’uno diverso dall’altro per ogni atleta) fondamentali per il riconoscimento pre- la rete gara dei giocatori e per controllare il line up nel corso delle partite; i pantaloni di uguale colore per tutti (anche tute, pantaloncini corti, bermuda o qualsiasi altro indumento simile); un cappellino di uguale colore per tutti possibilmente rappresentante il nome o il logo della squadra; dei calzini di uguale colore per tutti. E’ consigliato, infine, chiedere a tutti i propri atleti di utilizzare, ovemai ne avessero bisogno, una sottocasacca di uguale colore o almeno di uno dei colori della squadra e ciò unicamente al fine di tutelare al meglio l’immagine delle squadre stesse e della Lega per una più adeguata vendibilità del prodotto;

36. TESSERAMENTO ED AFFILIAZIONE. Le squadre partecipanti, se non già affiliate alla Fibs, dovranno provvedere a tale incombente il cui costo è pari ad €. 80,00. Le società già affiliate non saranno invece tenute ad ulteriore affiliazione. Occorrerà inoltre tesserare i singoli atleti con la Fibs settore amatoriale al costo di €. 8,00 l’uno, al fine di garantire a tutti una copertura assicurativa, atleti ai quali sarà dato un tesserino che resterà agli atti della squadra di appartenenza. Sarà possibile tesserare uomini e donne, ragazzi e ragazze. Oltre alla copia dell’affiliazione della squadra e l’iscrizione alla Lega, la copia del tesserino e della carta di identità del giocatore e del certificato medico di idoneità sportiva di cui innanzi, dovranno essere inviati per ogni singolo giocatore al Delegato Regionale Campania e Basilicata e alle Delegazioni di appartenenza. Potranno essere tesserati nuovi giocatori anche nel corso del torneo previo invio della suindicata documentazione entro il venerdì precedente al raggruppamento. Si rammenta che per poter disputare le partite del Torneo, prima dell’inizio dello stesso, ogni squadra dovrà esibire per il riconoscimento al responsabile del raggruppamento il tesserino ed il documento di riconoscimento con validità in corso di ogni singolo atleta;

37. CERTIFICATO DI IDONEITA’ SPORTIVA. In ordine all’idoneità sportiva va ricordato quanto segue: ATTIVITA’ NON AGONISTICA – “per le attività sportive non agonistiche la normativa nazionale di riferimento è rappresentata dal decreto del ministero della salute del 18/02/1983, in forza del quale (art. 3) la certificazione può essere effettuata (dopo una visita accurata, ma senza obbligo di accertamenti clinici e strumentali) anche dal proprio medico di base o dal proprio pediatra di base, oltre che, ovviamente, dallo Specialista in Medicina dello Sport e dalle strutture autorizzate al rilascio dell’idoneità sportiva agonistica. Gli sportivi (non agonisti) che devono essere sottoposti al controllo sanitario previsto dal D.M. sono (art. 1): a) gli alunni che svolgono attività fisico-sportive organizzate dagli organi scolastici nell’ambito delle attività parascolastiche; b) coloro che svolgono attività sportive qualificate non agonistiche (amatoriali) dalle Federazioni sportive nazionali o dagli Enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI; c) i partecipanti ai Giochi della Gioventù nelle fasi precedenti quelle nazionali. Dal tenore letterale della norma appare chiaro come l’obbligatorietà dei suddetti certificati riguardi esclusivamente quelle società ed a.s.d. riconosciute dal Coni, attraverso l’affiliazione ad una Federazione Sportiva Nazionale o tramite un Ente di Promozione Sportiva, escludendo dall’obbligatorietà dell’applicazione della norma tutte quelle realtà non riconosciute dal Coni o tutte quelle attività poste nei confronti di “non tesserati”. Ciò non toglie che sia comunque consigliabile la richiesta del certificato anche nelle situazioni in relazione alle quali ciò risulti non obbligatorio ai sensi di legge. FORMA E VALIDITA’ DEL CERTIFICATO – Il certificato di buona salute, ovvero di idoneità sportiva non agonistica è GENERICO, senza obbligo di indicazione dello sport praticato ed è valido per praticare più sport non agonistici ma sarebbe preferibile insistere perché venisse specificato che è diretto alla pratica del baseball e del softball amatoriali. Ai sensi dell’art. 2 del D.M di riferimento, il certificato di “stato di buona salute” deve essere rilasciato in conformità al modello allegato al DM stesso, e, quindi, deve indicare: a) cognome, nome, luogo di nascita, residenza, numero di iscrizione al SSN dello sportivo richiedente il certificato; b) la dizione: “il soggetto sulla base della visita medica da me effettuata risulta in stato di buona salute e non presenta controindicazioni in atto alla pratica di attività sportive non agonistiche. Il presente certificato ha validità annuale dalla data del rilascio”. Per certificati che rechino diciture differenti occorre controllare comunque che siano provvisti di data, timbro e firma del medico. In caso di sospetto clinico il medico/pediatra può richiedere accertamenti integrativi. Il certificato di buon salute per lo svolgimento dell’attività sportiva non agonistica vale un anno dalla data della sua emissione. ILLEGITTIMITA’ DELLE AUTOCERTIFICAZIONI E DELLE DICHIARAZIONI DI ESONERO DI RESPONSABILITA’ – Sono illegittime tali dichiarazioni in quanto tale fattispecie non rientra tra quelle tassativamente elencate dalle vigenti disposizioni in materia di autocertificazione, Inoltre, con la dichiarazione liberatoria, lo sportivo accetterebbe, in sostanza, la possibilità che dallo svolgimento dell’attività sportiva possa derivargli un danno, risarcimento a fronte di tale danno. Tale rinuncia appare però vietata ai sensi dell’art. 5 del c.c. “atti di disposizione del proprio corpo”. Infine, il Regolamento Sanitario Fibs approvato dal CONI, prevede all’art. 9 quanto segue: OBBLIGHI DELLE SOCIETA’. Le società affiliate alla F.I.B.S sono tenute, sotto la responsabilità civile, penale e sportiva del proprio Legale Rappresentante, al rispetto delle seguenti disposizioni: 1. ottemperare alle norme del presente Regolamento ed alle Leggi dello Stato che ad esse presiedono, con riferimento agli accertamenti sanitari iniziali ed ai controlli periodici di idoneità; 2. conservare ai propri atti in originale il certificato di idoneità alla pratica sportiva e la inerente documentazione relativa a tutti i propri tesserati per almeno 5 anni; 3. esibire ed inviare tempestivamente la certificazione e la predetta documentazione, in originale o in copia autentica, alla F.I.B.S su richiesta della stessa. Ognuno dei giocatori dovrà ottenere quindi un certificato di idoneità sportiva per attività amatoriale. Tali certificati dovranno essere inviati via mail al Delegato Regionale oppure il legale rappresentante di ogni squadra potrà attestare di essere in possesso di tali certificati assumendosi ogni responsabilità civile e penale al riguardo;

38. ILLECITI. Ovemai una squadra dovesse disputare una singola partita anche con un solo giocatore non regolarmente tesserato o non in possesso di idoneità sportiva o ancora non in regola rispetto alle preclusioni di cui al successivo punto 37, perderà a tavolino 0-7 la partita. Laddove, dovesse disputare tutto il torneo nelle stesse condizioni, tutte le partite saranno decretate perse 0-7 a tavolino e alla squadra sarà comminata per quel torneo una penalizzazione di 2 punti;

39. REGOLAMENTO DI GIUSTIZIA. Con la sottoscrizione del presente regolamento le società affiliate accettano integralmente il Regolamento di Giustizia ivi allegato e tutte le relative sanzioni previste nei casi di illecito o di mancato rispetto del regolamento stesso. Si impegnano altresì a corrispondere le somme previste a titolo di sanzione entro i termini rinunciando ex ante a richiedere all’ente/comitato organizzatore qualsiasi previsti dal Giudice Unico, pena l’esclusione temporanea dai successivi raggruppamenti fino al’esatto adempimento dell’obbligazione. Tutte le somme raccolte a titolo di sanzione saranno interamente devolute al fondo cassa della Lega ed investite nelle iniziative che saranno stabilite alla fine della stagione regolare;

40. GIUDICE UNICO SPORTIVO. Viene nominato il sig. Giuseppe Mele quale Giudice Unico sportivo della Lega del Mare. Le squadre convengono ed accettano che il suo giudizio è inappellabile raggruppamenti dall’incaricato;

41. PAGINA FACEBOOK E WEBSITE. Vengono nominati il sig. Antonio Vallefuoco per la creazione e la gestione della pagina facebook della Lega (fb: lega del mare) ed il sig Gianni Laudati per la creazione e la gestione del sito della Lega (www.legadelmare.it). I responsabili delle squadre si impegnano a comunicare ogni informazione utile ad entrambi così come gli organizzatori dei singoli raggruppamenti che dovranno far pervenire loro i risultati delle singole partite, la classifica finale, le votazioni dei coach ed ogni altra notizia utile da pubblicare. Entrambi gli incarichi si intendono gratuiti e come tali vengono accettati dagli incaricati;

42. PRECLUSIONI. Preclusioni relative ai giocatori: a) potranno essere schierati giocatori senza limiti di età tesserati per l’agonistica per l’anno 2018 sia dei campionati seniores che juniores nel numero massimo di 3 i cui nominativi dovranno essere comunicati al Giudice Sportivo, all’organizzatore della Lega e ai singoli responsabili dei raggruppamenti tassativamente entro e non oltre il venerdì precedente al primo raggruppamento con la preclusione di utilizzo degli stessi nei ruoli di Pitcher, Interbase e Prima base. Non potranno essere tesserati successivamente a tale data ulteriori agonisti; b) potranno essere schierati amatori tesserati per altre squadre affiliate Fibs se in possesso di doppio tesseramento; c) potranno essere schierati coach, arbitri e dirigenti tesserati per l’agonistica anche per altre squadre per l’anno 2018; d) non è previsto alcun limite di età né per gli under né per gli over a patto che abbiano idonea certificazione medica; e) non è previsto alcun limite di schierabilità in campo di giocatori di nazionalità straniera;

43. ARBITRI. Al fine di contenere al massimo i costi, i raggruppamenti si svolgeranno con arbitri messi a disposizione dalle singole squadre (scelti tra coach, giocatori, dirigenti o accompagnatori partecipanti ai raggruppamenti stessi ed in possesso di una sufficiente conoscenza del regolamento di gioco) facendo in modo che in ogni partita ci siano due arbitri, uno a casa base e uno sulle basi scelti tra le due squadre che non giocano. Per la fase finale sarà prevista la presenza di due o più arbitri per i playoff e per il tabellone accessorio dei playout a carico della Delegazione Regionale Campania e Basilicata. Sotto il profilo tecnico, gli arbitri, in particolare quelli non professionisti che gestiranno le partite dei raggruppamenti, dovranno: eseguire il riconoscimento ad inizio gara unitamente al responsabile del raggruppamento; stabilire con le squadre il tipo di gioco ed applicare quindi le poche differenze regolamentari tra baseball e softball; far rispettare il Line up e le regole sulle sostituzioni temporanee; applicare tutte le norme tecniche del presente regolamento di cui ai punti 14-15-17-18-19-20-21-22-23-24-25-26-27-28-29-30-31-32-33-34-42 prestando particolare attenzione alla regola dell’encroachment line per le donne e gli under 16 e a quella preclusiva sui ruoli per i 3 tesserati agonisti;

44. QUOTA DI ISCRIZIONE E DESTINAZIONE. La quota di iscrizione simbolica al torneo è fissata in €. 50,00. Tale importo dovrà essere versato prima dell’inizio del torneo e, e sarà gli fondato invieranno. sulle L’ìncarico comunicazioni è gratuito che e i come responsabili tale dei viene singoli accettato precisamente, entro il 15 marzo 2018 al delegato regionale Campania-Basilicata all’Iban che lo stesso ha comunicato sul gruppo Wazzup della Lega e che invierà anche via mail. La 400,00 sarà contribuzione per il fitto del campo per la fase finale e all’acquisto di coppe e medaglie per la fase stessa. In particolare, in ordine ai trofei, saranno previste: una coppa o targa ad ognuna delle squadre partecipanti recante il logo o il nome della lega, la data della fase finale e la posizione finale in classifica, una piccola medaglia di partecipazione ad ogni singolo atleta di tutte le squadre, medaglia “The slugger” per il miglior battitore di ogni girone, medaglia “Golden glove” per il miglior difensore di ogni girone. A tal proposito, il comitato tecnico del Torneo sarà formato dai coach delle singole squadre che alla fine di ogni raggruppamento comunicheranno i loro candidati per entrambi i premi. L’organizzatore della Lega raccoglierà questi dati che saranno elaborati dopo l’ultimo raggruppamento per sancire così i quattro vincitori. Se dovessero residuare delle somme le stesse saranno destinate all’acquisto delle palline da baseball e da softball per la fase finale;

45. RECLAMI. Gli unici reclami (o protesti secondo la definizione del Regolamento Fibs) che saranno accettati sono quelli contenuti nella Reg. 11, sez. 2 del suindicato Regolamento e cioè: “a. Errata interpretazione del regolamento; b. Mancata applicazione da parte dell’arbitro di una regola corretta in una determinata situazione; c. Mancata applicazione della corretta penalità per una determinata violazione. I protesti per i motivi suddetti devono essere fatti al capo arbitro prima del lancio successivo, o prima che tutti gli interni abbiano lasciato il territorio buono o, se si tratta dell’ultimo gioco della partita, prima che gli arbitri abbiano lasciato il terreno di gioco. Dopo che è stato effettuato un lancio (legale o illegale), non si potrà effettuare nessun cambiamento sulle decisioni prese dall’arbitro. d. Regolarità della posizione di un componente di una squadra “ potrà essere fatto valere in qualsiasi momento e quindi anche sottoposto al responsabile del raggruppamento a fine gara perché lo inoltri al Giudice Sportivo. Per il resto, sono insindacabili le decisioni tecniche degli arbitri forniti dalle squadre che si succederanno in campo. Alcuni esempi di reclami più comuni non consentiti sono: a. Se una palla battuta era buona o foul; b. Se un corridore era salvo o eliminato; c. Se una palla lanciata era strike o ball; d. Se un lancio era legale o illegale; e. Se un corridore ha toccato o non ha toccato una base; f. Se un corridore ha lasciato la base in anticipo sul pitch (nel softball) e su una presa al volo; g. Se una palla al volo è stata presa legalmente o meno; h. Se c’era o non c’era un infield fly; i. Se c’era o non c’era interferenza; j. Se c’era o non c’era ostruzione; k. Se un giocatore o una palla viva sono o non sono entrati in zona di palla morta o hanno toccato qualche oggetto o persona nella zona di palla morta; l. Se una palla battuta ha superato o meno la recinzione in volo”. Ovemai, invece, gli arbitri avessero dubbi sia tecnici sia sullo specifico regolamento del torneo, potranno in qualsiasi momento interrompere il gioco per confrontarsi con l’organizzatore e tutti i coach. Per tutto quanto non previsto nel presente regolamento ci si rimette e si rinvia al regolamento FIBS in materia di Softball (fast pitch);

46. ESONERO DI RESPONSABILITA’. La Lega, chi la rappresenta ed agisce per suo conto nonchè le squadre ospitanti le singole tappe/raggruppamenti nelle persone dei loro legali rappresentanti o referenti, garantendo che le attività inerenti alle manifestazioni si svolgeranno in piena sicurezza ed in contesti idonei, attraverso l’adozione di ogn i opportuna cautela per lo svolgimento delle attività stesse, sono esonerate sotto ogni profilo giuridico da qualsivoglia responsabilità in caso di furti negli spogliatoi e nell’intera struttura sportiva così come in caso di infortuni di qualsiasi entità che potrebbero occorrere ai tesserati e agli accompagnatori nel corso delle partite e/o nell’ambito della struttura sportiva presso la quale si svolgeranno le singole tappe del torneo. Al riguardo, i coach e/o i destinata esclusivamente all’acquisto del sito, alla somma pari a €. responsabili delle squadre partecipanti sottoscriveranno ad inizio raggruppamento un documento con il quale manleveranno l’organizzazione e la lega da ogni responsabilità per infortuni o furti, fermo restando di aver inviato prima della disputa dei raggruppamenti i certificati che attestino per ogni singolo giocatore di poter essere schierati e quindi di versare nelle condizioni fisiche idonee alla disputa di attività sportiva amatoriale, copia dei tesserini e la foto di ogni singolo tesserato, nonché, come squadra, certificazione attestante l’affiliazione alla federazione. In mancanza di tale certificazione, il giocatore non potrà disputare gli incontri e la squadra non potrà partecipare agli stessi.

Si allegano al presente regolamento i seguenti documenti:
1) Regolamento di giustizia;
2) Dichiarazione di esonero responsabilità;
3) Calendario;
4) Line up (allegato separato);
5) Grafico del campo (allegato separato).

Per informazioni rivolgersi a Mario Pironti: tel. 3396904986 – mail: mario.1967@virgilio.it

Per l’invio al Delegato della documentazione e di ogni altra informazione rivolgersi a Giuseppe Mele: tel. 3389648085 – mail: giuseppe4.mele@virgilio.it

Per l’invio di notizie e foto alla pagina facebook rivolgersi ad Antonio Vallefuoco: tel. 3288928813 – mail: antonio.vallefuoco1209@gmail.com

Per l’invio di notizie e foto al sito rivolgersi a Gianni Laudati: tel. 3487788845 – mail: giannilaudati@gmail.com

 

 


 

REGOLAMENTO DI GIUSTIZIA
“LEGA DEL MARE”

Le società, le associazioni e tutti gli atleti devono mantenere condotta conforme ai principi sportivi della lealtà, della probità, della rettitudine, nonché della correttezza morale e materiale in ogni rapporto di natura agonistica, economica e sociale.

DISCIPLINA GENERALE

Dal momento dell’ accettazione della domanda di affiliazione le società devono: a) provvedere al pagamento, nei termini stabiliti, delle somme dovute alla Fibs a titolo di affiliazione e tesseramenti e alla Lega del Mare a titolo di iscrizione; b) assicurare rispetto, assistenza ed ospitalità agli Arbitri (ove previsti), ai dirigenti e ai giocatori delle altre società in occasione delle partite e/o manifestazioni; c) trascrivere, nei documenti dei propri tesserati, dati anagrafici corrispondenti al vero; d) adempiere a tutti gli impegni assunti con l’iscrizione al Torneo della Lega del Mare e all’accettazione del relativo regolamento; e) vigilare sulla condotta morale e sportiva dei propri tesserati ed evitare di compiere e non consentire che altri compiano, con qualsiasi mezzo, atti diretti ad alterare il corretto svolgimento od il risultato delle gare con l’intento di assicurare a chicchessia un vantaggio in classifica; f) le squadre e gli atleti ammessi sul terreno di gioco devono mantenere reciprocamente contegno corretto e sportivo, soprattutto nei confronti dei componenti la squadra avversaria e degli Arbitri; g) la società ospitante è responsabile della buona efficienza del terreno di gioco, dell’allestimento dello stesso e dei servizi funzionali allo stesso; h) l’abbandono volontario del terreno di gioco da parte di una squadra o la mancata o ritardata presentazione in campo secondo quanto previsto dal regolamento della lega del Mare, se non per cause documentate, costituiscono grave infrazione disciplinare; i) le Società affiliate sono responsabili oggettivamente dei fatti commessi dai propri dirigenti e tesserati e rispondono direttamente dell’operato di chi le rappresenta.

SANZIONI A CARICO DEGLI ATLETI TESSERATI DALLE SOCIETA’AFFILIATE

La mancata osservanza delle regole stabilite nella disciplina generale comporta le seguenti sanzioni: 1) richiamo scritto ad osservare con maggiore scrupolo quanto stabilito nella disciplina generale; 2) diffida con preavviso di una sanzione pecuniaria; 3) sanzione pecuniaria fissata nel massimo di €. 50,00; 4) squalifica per una o più giornate. La sanzione pecuniaria ad insindacabile decisione dal Giudice Unico Sportivo della Lega del Mare individuato e nominato unanimemente da tutte le società iscritte nel sig. Giuseppe Mele, potrà consistere in un importo il cui ammontare non potrà superare il costo dell’iscrizione stesso e cioè €. 50,00 e che andrà ad accrescere il fondo cassa iscrizione la cui destinazione è fissata nel regolamento della Lega del Mare. Potrà altresì consistere anche nell’offerta di casse di birra o altre bibite e generi alimentari da distribuire durante le partite tra la squadra a cui appartiene il giocatore punito e le altre società affiliate. L’esecuzione delle sanzioni di cui sopra decorre dalla gara immediatamente successiva alla notifica via mail della sanzione stessa e viene computata in ragione delle partite effettivamente disputate ed omologate. Se una gara tra quelle in cui dovrà essere scontata la sanzione non viene giocata e/o non omologata, la sanzione sarà scontata nella gara di recupero o di ripetizione o di completamento. Al giocatore che dovesse essere espulso per reiterate intemperanze nei confronti degli arbitri o delle squadre avversarie, sarà applicata la sanzione della squalifica di una giornata da scontare nel raggruppamento successivo che potrà essere aumentata a più giornate nel caso i suindicati comportamenti integrassero fattispecie penali.

SANZIONI A CARICO DELLE SOCIETA’AFFILIATE

La mancata osservanza delle regole stabilite nella disciplina generale comporta le seguenti sanzioni: 1) diffida con preavviso di una sanzione pecuniaria; 2) ammenda da €. 25,00 a €. 100,00; 3) esclusione dalla Lega del Mare e dal Torneo ad essa relativo; 4)Ovemai una squadra dovesse disputare una singola partita anche con un solo giocatore non regolarmente tesserato o non in possesso di idoneità sportiva, perderà a tavolino 0-7 la partita. Laddove, dovesse disputare tutto il raggruppamento nelle stesse condizioni, tutte le partite saranno decretate perse 0-7 a tavolino e alla squadra sarà comminata per quel raggruppamento una penalizzazione di 2 punti. A titolo esemplificativo la presentazione in campo di una squadra senza il numero minimo di giocatori non comporterà alcuna conseguenza pecuniaria se non una diffida scritta mentre alla terza occasione comporterà un’ammenda di €. 25,00; l’abbandono del terreno di gioco da parte di una squadra comporterà l’ammenda di €. 25,00; la mancata presentazione della squadra ad una gara senza preavviso comporterà l’ammenda di €. 50,00 mentre a due gare anche non consecutive la sanzione pecuniaria di €. 100,00 e infine a tre gare anche non consecutive l’esclusione dalla Lega del Mare. Viene così istituito, per determinazione unanime di tutte le società affiliate, l’ufficio del Giudice Unico Sportivo (G.U.S.) che giudica sulle infrazioni alle norme disciplinari avvenute sui campi di gioco e commina alle società ed agli atleti le sanzioni previste dal presente regolamento. Le decisioni del G.U.S. sono inappellabili e saranno comunicate alle società anche quelle emesse nei confronti dei giocatori via mail.

L’incarico si considera gratuito e in quanto tale viene accettato.

 

GIUDICE UNICO SPORTIVO Lega del Mare

Sig. Giuseppe Mele
Cell. 3389648085
Mail: giuseppe4.mele@virgilio.it

 

 

DOCUMENTI SCARICABILI ALLEGATI :